La libertà terapeutica del medico

libertà terapeutica, medico, medici, cancro,

In oncologia, il medico si trova ad operare – sovente – nell’ambito del possibile o del probabile, secondo schemi connotati da valenza statistica e contrassegnati da immanente incertezza riguardo ai risultati raggiungibili ed agli esiti concreti. Tale incertezza deve essere necessariamente associata alla piena libertà terapeutica del medico, che concerne – oltre alla cura – i distinti momenti della diagnosi e della prescrizione